Politecnico di Torino - Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY

+39 011 090 6100 info@tech-share.it

Produzione biotecnologica di apocarotenoidi ad elevato valore aggiunto

Composti bioattiviCrocineNuovi nutraceuticiProduzione biotecnologicaZafferano

Introduzione

L’invenzione descrive sequenze di DNA e metodi che permettono la produzione biotecnologica delle molecole responsabili della colorazione rossa degli stigmi di zafferano. Tali molecole hanno proprietà benefiche per l’uomo e posso essere usate come nuovi nutraceutici. La loro produzione biotecnologica permette di abbattere i costi rispetto alla produzione da stigmi di zafferano.

Caratteristiche Tecniche

Lo zafferano è composto degli stigmi, raccolti a mano ed essiccati, di Crocus sativus ed è la spezia più costosa al mondo. La sua colorazione rossa è dovuta alle crocine, pigmenti che compongono fino al 10% del peso della spezia, e che presentano notevole interesse come supplementi alimentari e per le loro proprietà antiossidanti, antitumorali e neuroprotettive e per la loro bassissima tossicità. I principali ostacoli al loro uso come supplementi alimentari sono la scarsissima produzione mondiale, l’alto costo della spezia e l’impossibilità di sintetizzarle chimicamente. L’invenzione descrive sequenze di DNA di Crocus sativus che permettono l’accumulo di crocine negli stigmi. Tali sequenze possono essere usate per la produzione biotecnologica di crocine in piante e/o microorganismi adatti al consumo umano, e quindi adatti a costituire una fonte rinnovabile e praticamente illimitata per la formulazione di supplementi “over the counter” a base di crocine.

Possibili Applicazioni

  • Nutraceutici per la prevenzione di malattie croniche come la degenerazione maculare;
  • Pigmenti naturali per l’industria alimentare e chimica.

Vantaggi

  • La produzione di crocine verrebbe slegata dalla stagionalità della fioritura del C sativus;
  • Utilizzando piante alimentari come il pomodoro o lieviti come Saccharomyces cerevisiae per la produzione di crocine, i costi di produzione sarebbero fortemente ridotti e, soprattutto, la quantità prodotta potrebbe essere notevolmente aumentata;
  • La produzione delle crocine per via biotecnologica fornirebbe un prodotto di qualità standard, più adatto alla formulazione di supplementi.