Politecnico di Torino - Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY

+39 011 090 6100 info@tech-share.it

Inibitore di SIRT1 per la terapia di patologie HPV-associate

EX527HPVInibitori Antagonisti SIRT1sirtuinaTerapia antineoplastica

Introduzione

La tecnologia consiste nell’impiego di inibitori o antagonisti dell’enzima SIRT1 per la prevenzione e/o trattamento di patologie indotte da papillomavirus umani (HPV). La molecola EX527, già nota in farmacopea, si è dimostrata efficace nel trattamento di tumori HPV-associati, agendo sulla regolazione di alcune oncoproteine, portando all’inibizione di SIRT1 con successiva regressione della massa tumorale.

Caratteristiche Tecniche

I papillomavirus umani (HPV) sono virus largamente diffusi nella popolazione, alcuni  sono ad alto rischio neoplastico e sono associati allo sviluppo di tumori dei distretti anogenitale e testa-collo. In questi tumori è evidente la sovraespressione della proteina cellulare SIRT1. La molecola EX527, già nota per la cura della malattia di Huntington, si è dimostrata un ottimo inibitore di SIRT1. L’effetto di inibizione di SIRT1 ha portato alla regolazione dei livelli delle oncoproteine con successiva riduzione della massa tumorale. Ad oggi, il trattamento di questi tumori è altamente invasivo e con effetti devastanti sui pazienti, in quanto implica radioterapia, chemioterapia o un intervento chirurgico. Per questo motivo, una terapia antivirale alternativa con ridotti effetti collaterali sarà un grande passo avanti per i pazienti. Si è inoltre dimostrato che l’inibizione di SIRT1 induce un arresto del ciclo cellulare aumentando quindi la sensibilità degli attuali trattamenti terapeutici.

Possibili Applicazioni

  • Cura dei tumori HPV-associati;
  • Cura di patologie HPV-associate;
  • Prevenzione delle patologie HPV-associate.

Vantaggi

  • Uso di EX527, farmaco orfano approvato da EU;
  • Terapia poco invasiva;
  • Ridotti effetti collaterali;
  • Aumento efficacia delle attuali terapie;
  • Riduzione dei livelli di SIRT1;
  • Inibizione dell’espressione delle oncoproteine virali E6 e E7.