• Materiali da costruzione da fanghi di segagione

Contatta direttamente l'ente di riferimento per sapere di più su questa tecnologia.

Contattaci

Informazioni sul brevetto

Proprietari del brevetto

Consorzio Interuniversitario Nazionale per la Scienza e Tecnologia dei Materiali - INSTM

Dott. Marco Cerutti

Politecnico di Torino

Numero di priorità

Data di priorità

Stato del brevetto

Licenza

Parole chiave

Produzione di Scarti, Environmentally Sound Technology (EST)

Team di ricerca | Inventori

Accediper visualizzare i dati

Scarica la presentazione del progetto

Accediper scaricare il PDF

Materiali da costruzione da fanghi di segagione

Sitemi Di Isolamento

Introduzione

La presente invenzione descrive una tecnologia che permette l'ottenimento di materiali ad elevate presentazioni meccaniche a partire dagli scarti della lavorazione lapidea (fanghi di segagione). Il processo prevede la miscelazione dei fanghi con una soluzione alcalina, il colaggio della miscela in stampo e la successiva stagionatura a 80°C per 24-48 ore. Dai dati fisici e meccanici dei provini ottenuti, si prevede la possibilità di impiego di tale tecnologia per la produzione di elementi per l'edilizia, con particolare attenzione ai componenti cellulari (blocchi e pannelli) per l'isolamento termico e acustico.2015-010l

Caratteristiche tecniche

I fanghi di segagione, scarti della lavorazione e taglio della pietra ornamentale, rappresentato una grave problematica sia economica che ambientale. In Europa, ogni anno tra i 6 ed i 9 milioni di tonnellate di fango vengo conferiti in discarica, causando la progressiva saturazione delle stesse ed implicando alti costi di smaltimento per i cavatori (20-50 €/tonnellata). La tecnologia qui proposta si propone di impiegare massivamente i fanghi per la produzione di materiali ed elementi destinati al settore edilizio. Il processo prevede la miscelazione del fango con un attivatore alcalino, colata in stampo e successiva stagionatura a 80°C, durante la quale il materiale subisce fasi di presa ed indurimento in maniera simile ad un cemento tradizionale. Tuttavia, rispetto a leganti tradizionali, questo processo è meno energivoro in quanto non prevede fasi di estrazione delle materie prime, di macinazione o di cottura ad alta temperatura. Il volume dei fanghi a disposizione su territorio nazionale ed internazionale è tale da permettere la scalabilità del processo a livelli industriali.

Possibili applicazioni

  • Settore edilizio;
  • Le applicazioni previste sono quelle al momento coperte dal calcestruzzo cellulare autoclavato o mattone porizzato, in particolare per pannelli e blocchi per l'isolamento termico ed acustico impiegati nei muri di partizione e tamponamenti.

Vantaggi

  • Impiego massivo dei fanghi: alternativa alla discarica e abbattimento dei costi di smaltimento;
  • Ridotto impatto ambientale ed economico rispetto a prodotti competitor;
  • Versatilità della tecnologia, con la possibilità di generare materiali multistrato, ampliando le possibilità di applicazione.
 
patents-cta

Registratevi per ottenere l'accesso completo a questo e ad altri brevetti pubblicati disponibili sulla nostra piattaforma.

Registrati