Politecnico di Torino - Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY

+39 011 090 6100 info@tech-share.it

UCARE: Sistema di DIAGNOSI PRECOCE DELL’INSUFFICIENZA RENALE ACUTA

covid-19Decisione clinicaDiagnosi precoceDispositivo MedicoInsufficienza renale acutaIntelligenza artificiale

Introduzione

L’invenzione propone un innovativo sistema di diagnosi precoce dell’insufficienza renale acuta (AKI) tramite il monitoraggio della diuresi per pazienti ospedalizzati in terapia intensiva. Il sistema è in grado di fornire al medico curante in tempo reale le informazioni necessarie per poter intervenire tempestivamente e prevenire l’insorgenza di AKI  con algoritmi di intelligenza artificiale proprietari.

Caratteristiche Tecniche

Più del 5% di tutti i pazienti ospedalizzati e il 50% dei pazienti ricoverati in terapia intensiva soffrono di Insufficienza renale acuta (AKI), con un conseguente aumento della mortalità di 5 volte, ulteriori 27 giorni di ospedalizzazione e 3 miliardi di euro di spesa sanitaria aggiuntiva all’anno in Italia. Ad oggi, i medici non hanno a disposizione sistemi affidabili per la diagnosi precoce dell’AKI e tale rischio è sottostimato. Noi proponiamo un nuovo sistema di diagnosi precoce dell’AKI per la terapia intensiva. Il sistema è in grado di fornire al medico in tempo reale le informazioni necessarie per poter intervenire tempestivamente e prevenire l’insorgenza di AKI. Questo risultato è ottenuto attraverso l’integrazione di un innovativo dispositivo medico per il monitoraggio della diuresi, basato su principi meccanici, con algoritmi di machine-learning proprietari in grado di prevedere il rischio di insorgenza di AKI.

Possibili Applicazioni

  • Monitoraggio flusso urinario;
  • Diagnosi precoce insufficienza renale acuta;
  • Reparto di Terapia intensiva e Rianimazione;
  • Medicina personalizzata;
  • Biomarcatore digitale.

Vantaggi

  • Migliorare la qualità di vita dei pazienti in terapia intensiva, riducendo mortalità e complicazioni derivanti dall’insorgenza di AKI,
  • Ridurre la spesa sanitaria relativa alla gestione dell’AKI, riducendo giorni di ospedalizzazione in terapia intensiva e numero di riammissioni in ospedale.