Politecnico di Torino - Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY

+39 011 090 6100 info@tech-share.it

Strumento provvisto di sensore di forza di contatto

Chirurgia roboticarobotica remotastrumento minimamente invasivo

Introduzione

Un sensore di forza di contatto comprendente un palloncino gonfiabile, un’unità di elaborazione ricevente un segnale di variazioni di pressione o deformazione nel palloncino e un dispositivo di notifica all’operatore del segnale di forza di contatto calcolato dall’unità di elaborazione. Il sensore si utilizza all’interno di strumenti endoscopici robotizzati.

Caratteristiche Tecniche

I robot chirurgici non sono attualmente dotati di sensori di forza poiché questi non sono tutt’ora adattabili sugli strumenti chirurgici laparoscopici a causa delle ridotte dimensioni dei fori di ingresso nel corpo umano, sono costosi e difficilmente biocompatibili e/o sterilizzabili. Inoltre, eventuali algoritmi di stima di tipo visivo della forza di contatto  non possiedono sempre un’immagine di riferimento degli organi/tessuti del paziente non deformati. La presente tecnologia supera tali limiti in quanto la membrana elastica del palloncino gonfiabile, l’unica porzione a contatto con il corpo umano, è realizzabile con noti materiali biocompatibili quali il lattice, è usa e getta e separabile dalla parte elettronica del sistema (il sensore pneumatico è posizionabile a distanza dal punto di contatto). Una volta sgonfiata dopo la misurazione, la membrana è ritirabile all’interno dello strumento di lavoro. Il sistema può essere miniaturizzato per compatibilità con strumenti chirurgici minimamente invasivi quali pinze, bisturi ed altri del sistema robotizzato Da Vinci.

Possibili Applicazioni

  • Per scopi diagnostici, terapeutici o chirurgici;
  • Applicabile a strumenti robotici chirurgici o diagnostici;
  • Per la valutazione della consistenza dei vasi sanguigni;
  • Per la valutazione di regioni tissutali anomale;
  • Applicabile a mani robotiche.

Vantaggi

  • Informa l’operatore sulla compliance dei tessuti;
  • Membrana biocompatibile usa e getta o riutilizzabile;
  • A basso costo;
  • Parte endoscopica sterilizzabile indipendentemente dall’elettronica;
  • Miniaturizzabile.