Politecnico di Torino - Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY

+39 011 090 6100 info@tech-share.it

Pianificazione automatica di traiettorie stereotassiche

Epilessia FocalePianificazione Automatica ElettrodiStereoelettroencefalografia(SEEG)

Introduzione

Il Brevetto riguarda un metodo per il  supporto alla pianificazione  di  traiettorie  stereotassiche lineari per l’impianto  di  dispositivi  intracerebrali, quali elettrodi multicontatto  registranti e/o stimolanti, sonde  bioptiche, applicatori di luce laser. Il Brevetto è applicabile in ambito della diagnostica invasiva e del trattamento chirurgico di malattie neurologiche (Epilessia, Parkinson).

Caratteristiche Tecniche

Una delle fasi più critiche della Stereoelettroencefalografia è la pianificazione dell’impianto, ovvero l’inserimento di elettrodi intracelebrali per il monitoraggio delle regioni del cervello supposte responsabili dei comportamenti anormali del paziente. Questo brevetto propone una nuova metodologia per la pianificazione automatica degli impianti SEEG, secondo i passaggi descritti di seguito:

  1. Creazione di un database storico contenente informazioni su traiettorie precedentemente effettuate senza problemi;
  2. Selezione di almeno una struttura target nel cervello del paziente;
  3. Estrazione delle traiettorie di interesse dal database che visitano le strutture target;
  4. Selezione delle traiettorie estratte che soddisfano gli intervalli di sicurezza definiti a priori.

Possibili Applicazioni

Neurochirurgia finalizzata all’impianto di dispositivi intracerebrali con metodica stereotassica. In particolare nell’ambito del trattamento chirurgico di alcune malattie neurologiche quali:

  • L’epilessia focale;
  • Il morbo di Parkinson;
  • Disturbi del movimento;
  • Tumori cerebrali.

Vantaggi

  • Semplificazione della pianificazione, tramite supporto automatico;
  • Riduzione dei tempi, tramite l’automazione della pianificazione;
  • Maggior Sicurezza, tramite il calcolo della traiettoria ottima, che rispetta i parametri di sicurezza stabiliti;
  • Riduzione dei costi della fase di pianificazione.