Politecnico di Torino - Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY

+39 011 090 6100 info@tech-share.it

Monitoraggio componenti realizzati in rapid prototyping

MonitoraggioprototipazioneRealtà aumentatastampantestampanti 3D

Introduzione

L’invenzione consta di un sistema di monitoraggio per macchine prototipatrici, utensili e simili che permette di evidenziare eventuali errori nella realizzazione degli oggetto durante la loro creazione. Infatti, grazie a dei mezzi di visualizzazione a realtà aumentata è in grado di sovrapporre l’immagine virtuale dell’oggetto finito con l’immagine reale dell’oggetto che si sta creando, mettendo in luce eventuali differenze ed errori.

Caratteristiche Tecniche

Le macchine per prototipazione rapida di oggetti, e le cosiddette stampanti 3D, stanno oggigiorno avendo una rapida e massiccia diffusione. Il controllo dimensionale e geometrico degli oggetti è un aspetto particolarmente critico in queste macchine e spesso non vi è nessuna possibilità di verificare l’effettiva corrispondenza tra il progettato e quello che si sta realizzando. Questi inconvenienti incidono pesantemente sui tempi realizzativi e sui costi del materiale utilizzato, in quanto normalmente l’oggetto difettoso deve essere eliminato senza poter recuperare nulla. Viene quindi proposto un metodo di monitoraggio per macchine prototipatrici e simili che consenta di agevolare la realizzazione di oggetti di qualità elevata principalmente per quanto riguarda le caratteristiche dimensionali e geometriche.

Possibili Applicazioni

Rapid prototyping in ambito industriale e manifatturiero e realizzazione di prodotti finiti, o di singole parti di prodotti, ad esempio:

  • Selective Laser Sintering (SLS);
  • Fused Deposition Modelling (FDM);
  • Direct Metal Laser Sintering (DMLS);
  • Stereo Lithography (SLA);
  • Laminated Object Manufacturing (LOM);
  • Electron Beam Melting (EBM).

Vantaggi

  • Risparmio del materiale e del tempo grazie alla possibilità di interrompere la produzione;
  • Verifica immediata del rispetto delle dimensioni progettate;
  • Possibilità di modificare il componente e/o correggere la problematica al successivo lancio.