Politecnico di Torino - Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY

+39 011 090 6100 info@tech-share.it

METODO DI DIAGNOSI PRENATALE NON INVASIVA

Biopsia liquidaDiagnosi prenataleIsolamento cellule fetaliSangue periferico materno

Introduzione

Metodo innovativo che consente la separazione delle cellule fetali nucleate dal sangue periferico materno in tutte le età gestazionali; una diagnosi prenatale non invasiva utile per successive indagini genomiche e proteomiche.

Caratteristiche Tecniche

La diagnosi prenatale delle anomalie cromosomiche e delle malattie genetiche richiede una fonte di DNA fetale. Test di screening prenatale non invasivi sono attualmente in uso sul DNA fetale libero circolante nel sangue materno. Tuttavia, ci sono almeno due problemi principali con l’uso del DNA fetale: 1) isolamento e identificazione certa del DNA fetale dal DNA materno. 2) Affidabilità del DNA isolato, dato che il DNA fetale è frammentato. Appare dunque evidente che siano necessarie nuove tecniche diagnostiche non invasive che consentano una diagnosi più accurata delle anomalie cromosomiche fetali e dei disordini genetici in età gestazionali diverse, riducendo contestualmente i rischi per il feto o la madre. Questa tecnologia innovativa fornisce un metodo per isolare le cellule fetali nucleate, contenenti DNA intatto, dalle altre cellule presenti nel sangue materno.

Possibili Applicazioni

  • Diagnosi prenatale non invasiva;
  • Metodo applicabile per diagnosi con biopsia liquida.

Vantaggi

  • Isolamento di cellule fetali nucleate;
  • Applicabile a tutte le età gestazionali;
  • Immuno-TAG non necessario.