Politecnico di Torino - Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY

+39 011 090 6100 info@tech-share.it

Irisina per la cura e la prevenzione dell’osteoporosi

IrisinaMiochinaNeoformazione OsseaOsteoporosiSarcopenia

Introduzione

Il brevetto verte sul possibile impiego di una proteina nota, denominata Irisina, come farmaco per la cura e la prevenzione dell’Osteoporosi. Tale patologia è una malattia di rilevanza sociale, soprattutto per il grande impatto socio-sanitario delle fratture conseguenti alla malattia. Il 15-18% di tutte le fratture è dovuto a Osteoporosi. Oltre 200 milioni di persone, di cui 22 milioni solo in Europa, sono affette da fragilità ossea. All’osteoporosi si associa, quasi sempre, un concomitante deterioramento della massa muscolare scheletrica (Sarcopenia) che porta ad un elevato rischio di cadute, incrementando ulteriormente il rischio di frattura. Dai nostri risultati è emerso che la somministrazione di Irisina a basse dosi, in modelli sperimentali murini osteoporotici, è in grado sia di prevenire che curare Osteoporosi e Sarcopenia.

 

 

Caratteristiche Tecniche

I benefici dell’esercizio fisico sullo scheletro sono ampiamente riconosciuti, sebbene l’identikit del mediatore di questo effetto sia rimasto per lungo tempo sconosciuto. Oggi questa molecola, prodotta dal muscolo in seguito all’attività fisica, è finalmente nota. Si chiama Irisina e la sua funzione sulle ossa è stata individuata da una nostra ricerca pubblicata nel 2015. I nostri risultati dimostrano che la somministrazione “in vivo” di Irisina, in modelli animali di Osteoporosi e Sarcopenia, è in grado di prevenire e curare entrambe le patologie. LIrisina agisce su tutte le popolazioni di cellule presenti nell’osso ma risulta particolarmente attiva sulle cellule che formano nuovo osso. Questo si traduce in un aumento della Densità Minerale Ossea (BMD) e un aumento della resistenza alle fratture. A tale effetto si accompagna l’azione che Irisina esercita sulle cellule del muscolo scheletrico, nelle quali impedisce la riduzione di volume e il conseguente sviluppo di atrofia muscolare e/o Sarcopenia.

Possibili Applicazioni

  • Sviluppo di un farmaco esercizio-mimetico per la cura e la prevenzione dell’Osteoporosi e della Sarcopenia;
  • Pazienti affetti da Osteoporosi (200 milioni di persone nel mondo) Astronauti durante le missioni spaziali per l’assenza di gravità.

Vantaggi

  • Molecola fisiologica anabolica per lo scheletro e per il muscolo;
  • Alta tollerabilità alle dosi utilizzate;
  • Non presentare gli effetti collaterali tipici dei farmaci al momento disponibili;
  • Contrastare al contempo Osteoporosi e Sarcopenia;
  • Essere somministrata anche a scopo preventivo.