Politecnico di Torino - Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY

+39 011 090 6100 info@tech-share.it

Chemioterapia meno tossica con il palladio

BV2021ChemioterapiaComposti di palladioFarmaci antitumoraliTumore

Introduzione

Farmaci antitumorali mirati, efficaci e non tossici: una nuova classe di composti di palladio potrebbe trovare un’innovativa destinazione chemioterapica contro vari tumori, limitando gli effetti collaterali tipici delle cure a base di cisplatino o composti affini. Si potranno produrre farmaci altamente efficaci in forma di soluzioni endovenose, intramuscolari o sottocutanee, capsule o compresse.

Caratteristiche Tecniche

I composti antitumorali contenenti platino sono stati utilizzati fin dalla fine degli anni ’70 nonostante mostrino talvolta una significativa nefro- e neurotossicità; la ricerca nel settore si è orientata pertanto a testare le potenzialità di composti con altri metalli di transizione. I ricercatori cafoscarini hanno sintetizzato un’inedita e rara classe di composti di palladio – Pd(I), inaspettatamente stabili per questo stato di ossidazione del metallo, e li hanno testati come agenti antiproliferanti su alcuni dei tumori più aggressivi, quali quelli delle ovaie, della cervice, del colon e dei polmoni, ottenendo risultati molto promettenti. Infatti l’elevata citotossicità verso le cellule cancerogene è accompagnata da una scarsa tossicità su cellule estratte da tessuti sani. Ulteriori test pre-clinici e clinici cercheranno di definirne meglio le potenzialità e potranno preludere a una loro produzione su più vasta scala.

Possibili Applicazioni

  • Farmaci antitumorali, somministrabili per via endovenosa (più usuale), intramuscolare o sottocutanea;
  • Farmaci antitumorali, somministrabili per via orale attraverso capsule o compresse.

Vantaggi

  • Marcata attività antiproliferativa;
  • Efficacia antitumorale maggiore rispetto al cisplatino o altri composti di palladio;
  • Limitata di tossicità per le cellule sane.