Politecnico di Torino - Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY

+39 011 090 6100 info@tech-share.it

CATALIZZATORE A TRE VIE SENZA PGM

catalizzatori a tre vie (TWC)nano compositiNickelPGM-freeRame

Introduzione

Questo brevetto descrive il processo di produzione e la composizione di un catalizzatore a tre vie basato su rame e nickel, per l’uso nelle marmitte catalitiche dei veicoli alimentati a benzina. La sostituzione di platino e rodio (PGM – metalli del gruppo del platino) attualmente in uso permetterà di ridurre il costo attuale della tecnologia, senza rinunciare all’efficacia nell’abbattimento delle emissioni nocive.

Caratteristiche Tecniche

L’invenzione introduce l’utilizzo di nano compositi a base di rame e di nickel in forma granulare come catalizzatori a tre vie, per l’uso nelle odierne marmitte catalitiche dell’industria automobilistica. Il processo di produzione è ottimizzato in modo da disperdere finemente rame e nickel su  un supporto di gamma-allumina. Inoltre, la procedura di sintesi previene anche la formazione di idrossido di nickel, sostanza tossica. La formulazione del catalizzatore è in grado di offrire prestazioni vicine  ai prodotti attualmente commercializzati per abbattere le emissioni nocive, cioè ridurre i composti organici volatili, convertire il CO in CO2,  e trasformare gli ossidi di azoto in N2 . Questa innovazione permetterà di sostituire platino e rodio, ad oggi tra gli elementi più utilizzati nei catalizzatori, sia per via del loro costo elevato, sia perché ritenuti elementi il cui approvvigionamento risulta critico per l’Unione Europea.

 

Possibili Applicazioni

  • Catalizzatori a tre vie;
  • Marmitte catalitiche;
  • Trattamento gas esausti;
  • Trattamento fumi di combustione da impianti domestici e industriali;
  • Rimozione di composti organici volatili, metano, CO e altri incombusti
  • Processi di DeNOx.

Vantaggi

  • Efficace nella riduzione di emissioni nocive;
  • Non utilizza PGM, considerati critical raw material (CRM);
  • Materia prima più conveniente;
  • Non si forma idrossido di nickel, tossico;
  • Elevata attività catalitica;
  • Stabilità e resistenza alla disattivazione;
  • Riduzione del dispendio energetico per i trattamenti termici;
  • Riduzione dei tempi produttivi e degli scarti.