Politecnico di Torino - Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY

+39 011 090 6100 info@tech-share.it

Bioprotesi vascolari biodegradabili ingegnerizzate

AntiossidantiElettrofilatura​piccolo calibroproteine di transdifferenziamentoProtesi biodegradabili

Introduzione

Oggetto del brevetto “RESCUE” sono delle protesi vascolari biodegradabili costituite da polimeri e funzionalizzate con molecole bioattive. Il procedimento di fabbricazione di tali bioprotesi comprende la preparazione di una soluzione polimerica mediante solubilizzazione di due polimeri in opportuni solventi organici, l’elettrofilatura della soluzione ottenuta e l’ingegnerizzazione delle protesi.

Caratteristiche Tecniche

Le bioprotesi polimeriche, biodegradabili ed ingegnerizzate, oggetto del brevetto, costituiscono un’innovazione in chirurgia vascolare in quanto, a differenza delle protesi attualmente impiegate, una volta impiantate, sostituiscono solo temporaneamente il vaso danneggiato, stimolandone la rigenerazione. Le bioprotesi, con diametro interno inferiore a 6 mm, vengono fabbricate combinando due polimeri e vengono funzionalizzate con molecole bioattive, quali antiossidanti e proteine ad attività di transdifferenziamento cellulare, che, rispettivamente, sono in grado di modulare il processo infiammatorio post-impianto e di indurre una endotelizzazione del costrutto impiantato. Le bioprotesi vengono caratterizzate su scala di laboratorio in modo da metterne in risalto le loro proprietà: risultano essere costituite da fibre micrometriche, presentano una buona biodegradabilità nel tempo, hanno buone proprietà meccaniche, possiedono un buon rilascio delle biomolecole con cui sono state funzionalizzate, sono biocompatibili ed emocompatibili. Tali bioprotesi ingegnerizzate possono essere considerate dispositivi medicali innovativi in grado di rispondere all’inadeguatezza delle protesi sintetiche attualmente impiegate in chirurgia vascolare.

Possibili Applicazioni

  • Sostituzione di vasi danneggiati di piccolo calibro;
  • Realizzazione di bypass vascolari;
  • Modulare il processo infiammatorio post-impianto;
  • Attività chemotattica;
  • Attività di transdifferenziamento cellulare.

Vantaggi

  • Biodegradabili e bioriassorbibili di piccolo calibro;
  • Bioattive;
  • Protesi vascolari a ridotto rischio di trombosi precoce post-impianto;
  • Riducono il rischio di sottoporre il paziente ad interventi chirurgici ripetuti.