Politecnico di Torino - Corso Duca degli Abruzzi, 24 - 10129 Torino, ITALY

+39 011 090 6100 info@tech-share.it

Agente per il trattamento del leiomioma

Anti miRNAFibroma uterinoTerapia farmacologica

Introduzione

L’invenzione riguarda anti-miRNA per l’utilizzo nel trattamento del leiomioma uterino. In particolare, l’innovazione proposta mira allo sviluppo di un farmaco biologico capace di ridurre le dimensioni dei leiomiomi, non solo i sintomi della patologia, senza interferire con i cicli ovulatori e la fertilità della donna e riducendo quindi la necessità dell’intervento chirugico.

Caratteristiche Tecniche

L’invenzione riguarda anti-miRNA per l’utilizzo nel trattamento del leiomioma, in particolare un inibitore di uno o più miRNA identificato attraverso uno screening ad alta processività condotto su cellule umane muscolari lisce. Detto inibitore è preferibilmente un LNA (acido nucleico bloccato).

I leiomiomi uterini, comunemente chiamati fibromi, colpiscono tra il 20% e il 50% delle donne in età riproduttiva, rappresentando la forma di tumore benigno ginecologico più frequente. Attualmente, le opzioni disponibili sono la rimozione chirurgica o l’utilizzo di farmaci che interferiscono con la stimolazione ormonale, alla base della loro crescita. Ad oggi non esistono terapie farmacologiche in grado di ridurre le dimensioni dei leiomiomi. Pertanto, lo sviluppo di nuove terapie conservative in grado di arrestare o far regredire la loro crescita, senza interferire con i cicli ovulatori e la fertilità della donna, è di primario interesse e ha un ampio potenziale di mercato.

Possibili Applicazioni

  • Settore farmaceutico;
  • Trattamento dei fibromi uterini.

Vantaggi

  • Nuovo farmaco biologico in grado di ridurre il leiomioma (non solo i sintomi);
  • Terapia che non interferisce con i cicli ovulatori o la fertilità della paziente;
  • Riduzione degli interventi chirurgici;
  • Mercato globale.